TRENTO, CHE BEFFA: IL MESTRE PAREGGIA AL MINUTO 92, MA I GIALLOBLÙ GUADAGNANO UN PUNTO SULLA MANZANESE, ORA STACCATA DI SEI LUNGHEZZE. NON BASTANO LE RETI DI ALIU E BELCASTRO. GLI AQUILOTTI ALLUNGANO LA STRISCIA POSITIVA, CONQUISTANDO IL 18ESIMO RISULTATO UTILE CONSECUTIVO

Il Trento impatta 2 a 2 contro il Mestre nel turno pre pasquale e porta a sei le lunghezze di margine sulla Manzanese, sconfitta nettamente (1 a 4) dall’Ambrosiana.
Vantaggio trentino con Aliu e pareggio mestrino con Fasolo nel primo tempo, mentre nella ripresa i padroni di casa si riportano avanti a un quarto d’ora dalla fine con Belcastro, ma il Mestre impatta in pieno recupero con la rete di Brigati. Diciottesimo risultato utile consecutivo per la compagine di mister Parlato, che porta a sei i punti di margine sulla Manzanese, che mercoledì sarà di scena al “Briamasco” nel recupero della tredicesima giornata.

Live match.
Mister Parlato deve fare a meno degli indisponibili Pilastro, Nunes e Pattarello e opta per il classico “4-3-1-2” con Cazzaro in porta e linea difensiva composta da Bran e Contessa sulle corsie esterne con Trainotti e Dionisi centrali. Gatto è il playmaker in mezzo al campo con Caporali e Santuari interni, mentre Belcastro agisce alle spalle del tandem offensivo composto da Aliu e Rivi.
La partita inizia nel migliore dei modi per il Trento che, dopo appena sei minuti, passa subito in vantaggio: indecisione della difesa mestrina con Aliu che è bravo a pressare Fido in area di rigore, rubargli il tempo e insaccare con una puntata il pallone dell’1 a 0. Al 13’ il Mestre si fa vedere dalle parti di Cazzaro trovando però una buona risposta del portierone gialloblù sulla conclusione di Corteggiano. La prima frazione è un botta e risposta tra le due squadre e al 24’ Rivi ha l’occasione per raddoppiare, ma il suo colpo di testa è impreciso. Passano sei minuti e gli ospiti trovano il pari con un rasoterra di Fasolo che si insacca all’angolino, dopo sponda aerea di Forte. Prima del riposo c’è spazio per un’occasione per parte: gran rovesciata di Belcastro e ottima risposta in tuffo di Secco (39’), mentre gli ospiti si fanno vedere con un’incursione di Fabbri (42’), sventata in extremis dalla retroguardia trentina.
Nella ripresa Parlato cambia modulo e interpreti: dentro Tinazzi e Osuji per Contessa e Rivi e passaggio al “3-5-2” con Bran che agisce da difensore centrale, Caporali si posiziona sulla corsia di destra e Belcastro va a comporre il tandem offensivo con Aliu.
Gli effetti del cambio modulo si vedono subito e al 52’ il solito Aliu gira di testa uno spiovente di Gatto con Secco che si deve superare per evitare il raddoppio aquilotto. Al 68’ Bran, ottimamente servito da Santuari, sfonda in area e viene steso da Varotto: il rigore pare netto, ma il direttore di gara lascia proseguire.
Il Trento spinge e al minuto 78 trova il meritato vantaggio: Galazzini, entrato in campo pochi minuti prima, sgasa sulla destra e poi serve un assist d’oro a Belcastro, che da due passi appoggia in rete con il petto.
Il Mestre prova l’arrembaggio finale e all’84’ Cazzaro deve vestire i panni di Superman per sventare in angolo una punizione di Casarotto deviata dalla barriera. Dagli sviluppi del tiro dalla bandierina il neoentrato Brigati va vicino al pareggio con un’incornata. Al secondo minuto di recupero arriva il gol beffa: Brigati si libera sulla destra e poi insacca con un gran sinistro a girare che finisce all’incrocio dei pali.
Termina 2 a 2 la sfida del “Briamasco”: mercoledì sarà già tempo di tornare in campo sul terreno di gioco amico per affrontare la Manzanese, seconda forza del torneo.

Il tabellino.
TRENTO – MESTRE 2-2
TRENTO (4-3-1-2): Cazzaro; Bran (30’st Galazzini), Trainotti, Dionisi, Contessa (1’st Tinazzi); Santuari, Gatto (39’st Salviato), Caporali (14’st Ronchi); Belcastro; Rivi (1’st Osuji), Aliu.
A disposizione: Ronco, Comper, Pinto, Ferri Marini.
Allenatore: Carmine Parlato.
MESTRE (3-5-2): Secco; Brentan, Fido (25’st Chin), Varotto; Granati (34’st Brigati), Casarotto, De Leo (33’st Sacco), Corteggiano, Fabbri; Forte (10’st Fabiano), Fasolo (20’st Telesi).
A disposizione: Dadone, Tiepolato, Crescente, Brevi.
Allenatore: Gianpietro Zecchin.
ARBITRO: Bozzetto di Bergamo (Fiore Marat di Genova e Nechita Ionut di Lecco).
RETI: 6’pt Aliu (T), 31’pt Fasolo (M), 33’st Belcastro (T), 47’st Brigati (M).
NOTE: partita disputata a porte chiuse. Tempo soleggiato. Campo in buone condizioni. Ammoniti: Dionisi (T), Aliu (T), Osuji (T), Ronchi (T), Secco (M), Casarotto (M), Fabiano (M), Brigati (M). Calci d’angolo 5 a 3 per il Mestre. Recupero 0’ + 5’.

Questo sito web utilizza cookie, anche di terze parti e di profilazione, per personalizzare la tua esperienza utente. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi