IL GIRONE DI RITORNO INIZIA CON UN SUCCESSO: AL “BRIAMASCO” IL TRENTO PIEGA PER 3 A 2 L’AMBROSIANA. APRE BELCASTRO, RADDOPPIA GALAZZINI E ALIÙ FA TRIS, PRIMA DELLE RETI VENETE. UNDICESIMO RISULTATO UTILE DI FILA PER I GIALLOBLÙ

Il Trento apre il girone di ritorno superando per 3 a 2 l’Ambrosiana al termine di un match che ha visto la squadra di Parlato dominare per 68 minuti e poi subire un uno-due da parte dei veronesi che regala un po’ di pathos nel finale.
Belcastro sblocca il risultato su punizione, Galazzini raddoppia di testa e Aliù sigla la terza rete aquilotta. Sembra finita ma gli ospiti con due tiri dalla lunga distanza accorciano prima con Metlika e poi con Giordano.
Per il Trento si tratta della decima vittoria stagionale, dell’undicesimo risultato utile consecutivo, che porta i ragazzi di mister Parlato al primo posto in classifica in coabitazione con la Manzanese (ora a parità di match disputati) a quota 37, in attesa della sfida che domani opporrà i friulani all’Adriese.
Mercoledì sarà già tempo di tornare in campo: al “Briamasco” arriverà il Montebelluna per il recupero dell’undicesima giornata.
 
Live match.
Mister Parlato deve rinunciare agli infortunati Bran e Osuji ai quali si aggiunge Cazzaro, che s’infortuna ad una mano nel corso del riscaldamento.
In porta tocca quindi a Ronco, mentre la linea difensiva è formata da Galazzini e Tinazzi sulle corsie esterne con Trainotti e Dionisi al centro. Gatto agisce da playmaker con Pilastro e Caporali interni, mentre Belcastro è il trequartista alle spalle del tandem offensivo formato da Aliù e Pattarello, quest’ultimo all’esordio dal primo minuto.
Il Trento assume subito il controllo delle operazioni e l’Ambrosiana si fa vedere con un tiro di Rabbas al 10′, che Ronco devia lateralmente, distendendosi sulla propria sinistra.
I gialloblù alzano i ritmi, guadagnano metri e all’11’ passano a condurre: Pilastro recupera palla, s’incunea tra i difensori e viene steso al limite dell’area. Sul pallone si porta Belcastro che disegna una meravigliosa traiettoria: la palla supera la barriera e poi s’insacca nell’angolino basso alla sinistra dell’estremo difensore ospite.
Pochi giri di lancette più tardi il trequartista gialloblù va vicino al raddoppio: Galazzini scambia con Pattarello sulla corsia destra e crossa al centro, con la difesa che respinge il pallone, arriva di gran carriera Pattarello che piazza la sfera sul palo lungo, ma Marinaro è superbo nella risposta in tuffo. Belcastro si ritrova il pallone tra i piedi, ma calcia alto da ottima posizione.
La squadra di Parlato è in totale controllo del match e le occasioni fioccano: al 25’ Aliù ci prova con un mancino a giro trovando un altra super risposta del portiere dell’Ambrosiana, tre minuti dopo Belcastro raddoppia dopo la prima traversa centrata da Pattarello, ma l’assistente sbandiera un fuorigioco dubbio e l’arbitro annulla, e alla mezz’ora Pattarello centra il secondo legno della sua partita, dopo una buona iniziativa personale. Il dominio gialloblù si concretizza nuovamente al minuto 36, quando Galazzini, al primo gol in maglia aquilotta, svetta di testa dopo un bel cross di Tinazzi e gira la sfera a fil di palo.
Il secondo tempo riinizia sulla falsariga del primo con un altro pericolo per la porta difesa da Marinaro, il migliore in campo per gli ospiti: altro colpo di testa di Galazzini, sul quale il numero uno rossonero compie un’altra gran parata. Pochi minuti più tardi arriva il gol del 3 a 0: ennesimo break di un devastante Pattarello, che imbecca Aliù, che con il mancino scavalca Marinaro in uscita con un delicatissimo tocco sotto.
Il match sembra essere “in ghiaccio”, ma gli ospiti trovano due gol nel giro di 40 secondi: prima Metlika (68’) realizza con un destro piazzato all’angolino e poi Giordano (69’) sorprende Ronco dai 25 metri.
A differenza della sfida contro il Chions, però, il Trento serra le fila e non rischia più, sfiorando in un paio di circostanze la quarta marcatura (due volte con Belcastro) e, nel finale, Merci meriterebbe una sanzione più severa rispetto al cartellino giallo per una spinta ai danni di Caporali, che finisce rovinosamente contro i cartelloni pubblicitari.

Il Trento conquista la decima vittoria stagionale, centra l’undicesimo risultato utile consecutivo e, in attesa delle partite di domani, sale in vetta alla classifica assieme alla Manzanese.

Il tabellino.
TRENTO – AMBROSIANA 3-2
TRENTO (4-3-1-2): Ronco; Galazzini, Trainotti, Dionisi, Tinazzi; Caporali, Gatto, Pilastro (27‘st Santuari); Belcastro; Pattarello (35’st Salviato), Aliù.
A disposizione: Cazzaro, Contessa, Rivi, Comper, Amadori, Pinto, Ferri Marini.
Allenatore: Carmine Parlato.
AMBROSIANA (4-1-4-1): Marinaro; Dall’Agnola, Menini (38’pt Penazzi), Biasi, Manfroni (12’st Avdullari); D’Orazio (35’st Bertoli); Giordano, Alba (29’st Merci), Metlika, Rabbas (12’st Testi); Porcelli.
A disposizione: Scalera, Hoxha, Muzza, Rossi.
Allenatore: Tommaso Chiecchi.
ARBITRO: Cappai di Cagliari (Riganò di Chiari e Chimento di Saronno).
RETI: 11’pt Belcastro (T), 36’pt Galazzini (T), 10’st Aliù (T), 23’st Metlika (A), 24’st Giordano (A).
NOTE: partita disputata a porte chiuse. Tempo soleggiato. Campo in buone condizioni. Ammoniti Pilastro (T), Gatto (T), Menini (A), Rabbas (A) e Merci (A). Calci d’angolo 8 a 3 per il Trento. Recupero 2’ + 6’.

Questo sito web utilizza cookie, anche di terze parti e di profilazione, per personalizzare la tua esperienza utente. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi