“REMUNTADA” SFIORATA: IL TRENTO RECUPERA DA 0 – 2 A 2 – 2, MA ALL’89’ IL MESTRE TROVA IL GOL VITTORIA. LA DOPPIETTA NELLA RIPRESA DEL RIENTRANTE FERRI MARINI NON BASTA AI GIALLOBLÙ PER EVITARE LA PRIMA SCONFITTA STAGIONALE

Al Trento la rimonta riesce solamente a metà. Al “Baracca” la squadra di Carmine Parlato va sotto di due reti nel primo tempo, ma nella ripresa prima accorcia le distanze e poi pareggia grazie alla doppietta di Ferri Marini, al rientro dopo due mesi di stop. All’89’, però, la marcatura di Fabiano condanna gli aquilotti alla prima sconfitta della stagione. I gialloblù restano a quota 14 in classifica, in terza piazza, in coabitazione con Virtus Bolzano e Cjarlins Muzane, ma con una gara – quella contro l’Union Feltre – ancora da recuperare.

Live match.

Mister Parlato si affida al “4-3-1-2”, affidandosi alla stessa formazione che il 25 ottobre ha espugnato il campo dell’Union Clodiense: tra i pali tocca ancora a Ronco, mentre la linea difensiva è composta da Bran e Tinazzi sulle corsie esterne con Salvato e Dionisi al centro. In mezzo al campo Gatto agisce da playmaker con Pilastro e Osuji interni e Caporali completa il rombo come trequartista alle spalle del tandem offensivo formato da Aliù e Belcastro.
In panchina a distanza di due mesi dall’ultima volta si rivede finalmente l’attaccante Daniele Ferri Marini, ormai pienamente recuperato dall’infortunio muscolare che l’ha costretto ai box per quasi sessanta giorni.
La partita è fin da subito vivace: Aliù cerca il gran gol concludendo al volo la respinta della difesa mestrina, ma la sfera termina alta (4’) oltre la traversa e, un minuto dopo, è la squadra di casa a rendersi pericolosa con Casarotto, che da destra cerca Fabiano ma Dionisi è ben posizionato e salva in extremis.
Il Trento fa fatica a costruire e, sugli sviluppi di un errore in uscita, il Mestre trova la rete del vantaggio: al 21′ Fabiano ruba palla , avanza palla al piede e poi serve in profondità Fasolo, che incrocia la conclusione e batte l’incolpevole Ronco.
Il gol sveglia i gialloblù che alzano il baricentro per cercare di rimettere la gara in equilibrio e al minuto 37 hanno l’occasione per pareggiare: Aliù resiste alla carica di due difensori e crossa al centro, Secco respinge verso Pilastro che, però, viene anticipato all’ultimo da un avversario.
Al 45’, quasi tutti aspettano solamente in duplice fischio, il l Mestre raddoppia: Granati, forse aiutandosi con un braccio, guadagna terreno a destra e poi cerca Fasolo, il cui tiro di prima intenzione viene respinto da Ronco, ma Fabiano si avventa sulla sfera e scaraventa in rete da metri zero.
Mister Parlato prova a dare la scossa inserendo ad inizio ripresa Santuari e Ferri Marini, rispettivamente al posto di Osuji e Pilastro con Caporali che scala sulla linea mediana, Belcastro diventa trequartista alle spalle del nuovo tandem offensivo con l’ex attaccante del Potenza che va a far coppia con Aliù
Il Trento cambia marcia e, dopo aver schiacciato il Mestre nella propria metà campo, al 60’ trova la rete che riapre il match: Ferri Marini batte a rete dal limite dell’area e, complice una deviazione, la sfera s’insacca sotto la traversa della porta difesa da Secco. Dopo un colpo di testa sull’esterno della rete di Santuari e una grande parata del portiere di casa sul colpo di testa di Aliù, al minuto 80 il pari è servito: errore del Mestre, Aliù recupera palla, entra in area e viene steso da Fido. Il rigore è netto e Ferri Marini lo trasforma spiazzando Secco.
Il match resta vivo, i gialloblù vogliono vincere e macinano gioco, ma all’89’ vengono castigati: De Leo pesca Fasolo che centra per Fabiano, che arriva di gran carriera e schiaccia in rete con Caporali travolto da un altro avversario.
Non c’è più tempo per rimediare: il Trento cede di misura al Mestre e incappa nella prima sconfitta stagionale dopo aver collezionato quattro vittorie e due pareggi. Al termine del match espulsione per Santuari per proteste all’indirizzo del direttore di gara.
Domenica prossima i gialloblù sicuramente non scenderanno in campo e attendono comunicazioni da parte del Dipartimento Interregionale in merito alla data del recupero della sfida contro l’Union Feltre. Domenica 6 dicembre ripartirà, invece, il campionato con il Trento che ospiterà allo stadio “Briamasco” l’Union San Giorgio Sedico.

Il tabellino.

MESTRE –  TRENTO 3-2
MESTRE (3-4-1-2): Secco; Brentan, Frison, Fido; Granati, Casarotto, De Leo, Corteggiano; Fabiano; Battistini (16’pt Telesi – 35’st Brevi), Fasolo.
A disposizione: Pirana, Varotto, Carraretto, D’Alessandro, Santo, Chin.
Allenatore: Gianpietro Zecchin.
TRENTO (4-3-1-2): Ronco; Bran, Salviato (25’st Trainotti), Dionisi, Tinazzi (20’st Contessa); Pilastro (1’st Santuari), Gatto, Osuji (1’st Ferri Marini); Caporali; Belcastro, Aliù.
A disposizione: Cazzaro, Affolati, Pettarin, Comper, Amadori.
Allenatore: Carmine Parlato.
ARBITRO: Diop di Treviglio (Consonni di Treviglio e Bernassi di Milano).
RETI: 21’pt Fasolo (M), 45’pt Fabiano (M), 15’st e 35’st rigore Ferri Marini (T), 44’st Fabiano (M).
NOTE: partita disputata a porte chiuse. Campo in buone condizioni. Espulsi il tecnico del Mestre Gianpietro Zecchin per proteste e Santuari (T), a fine gara, per proteste. Ammoniti Frison (M), Casarotto (M), Brevi (M), Bran (T), Caporali (T) e Gatto (T). Espulsi Zecchin (M), Santuari (T). Calci d’angolo 7 a 0 per il Trento. Recupero 2′ + 3′.

Questo sito web utilizza cookie, anche di terze parti e di profilazione, per personalizzare la tua esperienza utente. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi