A PIETRIBIASI RISPONDE CORBANESE: IL DERBY DELLE DOLOMITI TERMINA 1 A 1 E IL TRENTO RESTA PRIMO IN CLASSIFICA. SUCCEDE TUTTO NEI PRIMI VENTICINQUE MINUTI. NELLA RIPRESA INFORTUNIO DI CAZZARO, COSTRETTO A LASCIARE IL CAMPO.

Un punto che vuol dire quinto risultato utile di fila e ancora primato in classifica, ora in coabitazione con il Mestre. Al “Polisportivo” il Trento impatta 1 a 1 contro il Belluno nella quinta giornata di campionato, al termine di un match equilibrato e decisamente valido sotto il profilo agonistico. Vantaggio per la squadra di Parlato grazie al primo centro stagionale di Pietribiasi, al termine di una fantastica manovra corale in velocità e pareggio su punizione di Corbanese. Esordio stagionale per Ronco, subentrato all’infortunato Cazzaro (per lui qualche giorno di stop per un trauma cranico) e Contessa. Trento che sale a quota 11 in classifica, per effetto di tre successi e due pareggi. Domenica prossima si viaggia ancora per affrontare l’Union Clodiense.

Live match.

Mister Parlato deve fare ancora a meno di Ferri Marini, ma recupera Trainotti, che si accomoda in panchina dopo tre tre settimane di stop. Il tecnico gialloblù si affida al “4-3-1-2”: davanti a Cazzaro la linea difensiva è formata da Bran e Tinazzi sulle corsie esterne con Salviato e Dionisi al centro. In mezzo al campo Gatto detta i tempi della manovra con Osuji e Pilastro interni, mentre Caporali agisce da trequartista alle spalle del tandem offensivo formato da Aliù e Pietribiasi.
L’inizio del Trento è volitivo e determinato e, dopo un’incursione in gialloblù stoppata da Cazzaro con una coraggiosa uscita, a gioco già fermato per fuorigioco, al 6′ gli aquilotti vanno vicinissimi al gol: calcio d’angolo dalla sinistra di Gatto e deviaione sottomisura di Salviato, che centra il palo a portiere battuto. Il tentativo di Bran viene ribattuto dalla difesa, poi ci prova ancora Salviato, ma Dan è attento e respinge in tuffo.
La squadra di Parlato domina e al 9′ trova il meritato vantaggio: Aliù lancia nello stretto Caporali, che si presenta a tu per tu con Dan, poi serve Pietribiasi e per il Condor è un gioco da ragazzi insaccare a porta vuota.
Il Trento spinge e non sfrutta a dovere un paio di ripartenze, mentre il Belluno, dopo una conclusione da posizione defilata di Masoch, ben controllata da Cazzaro, al 24′ perviene al pareggio grazie alla staffilata su punizione di Corbanese, che spedisce il pallone all’incrocio dei pali laddove il numero uno gialloblù non può proprio arrivare.
Nel primo tempo non succede praticamente null’altro, eccezion fatta per un tiro di Salvadego, alto sopra la traversa, e una mischia in area locale, sventata con qualche apprensione dalla retroguardia veneta.
La ripresa si apre con il Belluno che spinge soprattutto sulle corsie esterne. Al 54′ Cazzaro esce splendidamente in presa alta nel traffico e subisce un colpo fortuito da parte di un compagno di squadra. Il portiere gialloblù resta a terra dopo aver subito un colpo al collo, rendendo necessario il trasporto all’Ospedale di Belluno per gli accertamenti del caso. Per lui un trauma cranico e l’obbligo d’indossare il collare per qualche giorno, ma in serata è stato già dimesso dal nosocomio veneto.
Al suo posto entra Ronco, all’esordio in campionato, che si dimostra assai reattivo, prima sull’insidioso corner proveniente dalla sinistra e poi quando Posocco gli si presenta davanti, ma con la mano aperta il numero ventidue respinge la minaccia. Tra i due episodi due occasioni per il Trento: prima Pietribiasi viene contrastato al momento d’incornare e poi Osuji, liberato da uno splendido colpo di tacco di Aliù, viene stoppato da due difensori.
Nel finale ci prova ancora l’attaccante di casa Posocco, ma la sua girata termina alta. Nel finale “prima” in campionato anche per il classe 2002 Contessa.
Finisce uno a uno: il Trento conquista il quinto risultato utile consecutivo e resta primo in classifica. Domenica prossima altra trasferta: i gialloblù affronteranno l’Union Clodiense sicuramente non al “Ballarin” di Chioggia ma in una sede ancora da definire.

Il tabellino.

BELLUNO – AC TRENTO 1921 1-1

BELLUNO (4-2-3-1): Dan; Gjoshi, Sommacal, Petdji, Mosca (38’pt Salvadego); Chiesa, Quarzago; Posocco (45’st Fiabane), Masoch, Cescon (38’st Spencer); Corbanese.
A disposizione: Peterle, Bortolussi, Broglio, Piazza, Band, Fremiotti.
Allenatore: Renato Lauria.

AC TRENTO 1921 (4-3-1-2): Cazzaro (9’st Ronco); Bran (13’st Affolati), Salviato, Dionisi, Tinazzi (40’st Contessa); Pilastro (19’st Comper), Gatto, Osuji; Caporali, Aliù, Pietribiasi (19’st Belcastro).
A disposizione: Trainotti, Pettarin, Santuari, Trevisan.
Allenatore: Carmine Parlato.

ARBITRO: Tomasi di Lecce (Forgione e Monfregoia di Gradisca d’Isonzo).
RETI: 9’pt Pietribiasi (T), 24’pt Corbanese (B).
NOTE: campo in buone condizioni. Giornata calda e soleggiata. Spettatori 260. Ammoniti Spencer (B), Quarzago (B), Tinazzi (T), Bran (T), Affolati (T), Dionisi (T), Gatto (T), Osuji (T).

Questo sito web utilizza cookie, anche di terze parti e di profilazione, per personalizzare la tua esperienza utente. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi