SOTTO LA PIOGGIA IL TRENTO PIEGA PER 3 A 2 IL LEGNAGO SALUS. DI SOTTOVIA, MARCOLINI E CAPORALI LE RETI GIALLOBLÙ

Dopo aver superato per 4 a 2 la Luparense, il Trento piega anche il Legnago Salus, formazione veronese fresca di ripescaggio in serie D, nella terza uscita amichevole del pre campionato. Buona la prova fornita dalla squadra di Flavio Toccoli, soprattutto nella fase centrale del match, nonostante le gambe “pesanti” dagli abbonanti carichi di lavoro dei giorni scorsi e alcuni automatismi ancora da affinare. Di Sottovia, Marcolini (splendido gol su calcio piazzato) e Caporali le marcature della squadra gialloblù.
Per l’occasione il Trento è sceso in campo con la divisa bianca griffata Wolf, nuovo main sponsor societario.

Live match.

Mister Flavio Toccoli si affida allo stesso schieramento proposto inizialmente anche martedì contro la Luparense, affidandosi al “4-3-1-2”. In porta c’è Cazzaro, mentre la difesa a quattro è formata da Paoli e Pellicanò sulle corsie esterne con Marcolini e Zentil al centro. In mezzo al campo capitan Pettarin detta i tempi della manovra con Trevisan e Santuari interni, mentre Caporali agisce alle spalle del tandem d’attacco formato da Sottovia e Pietribiasi.
Il campo è pesante a causa della pioggia che cade copiosamente anche ad inizio gara e, dopo un bel destro di Sottovia che sorvola di poco la traversa, al 13′ gli ospiti passano in vantaggio con Barone, che risolve con un tocco da pochi passi una mischia in area trentina dopo un calcio piazzato.
Il Trento non sta a guardare, guadagna campo e al 23′ trova il meritato pareggio grazie alla perfetta inzuccata da centroarea di Sottovia, che schiaccia nell’angolino più lontano il perfetto traversone scoccato dalla destra da Paoli. Il sorpasso arriva sette minuti più tardi ed è un pezzo di bravura di Marcolini che, da venticinque metri, lascia partire un meraviglioso destro su calcio di punizione, spedendo il pallone proprio all’incrocio dei pali con Enzo vanamente proteso in tuffo.
Poco dopo il tecnico gialloblù deve avvicendare l’acciaccato Zentil con Panizza: il neoentrato si posiziona sulla corsia di sinistra con Pellicanò che si sposta a fianco di Marcolini al centro della difesa. Prima del duplice fischio altra occasione per il Trento con Caporali che sfonda a sinistra e crossa rasoterra in area senza che nessun compagni arrivi sulla sfera.
Ad inizio ripresa i gialloblù si presentano in campo con alcune novità: Conci prende il posto di Cazzaro tra i pali, mentre in mediana Ferraglia e Stefani sostituiscono Trevisan e Santuari con Caporali che arretra sulla linea dei centrocampisti. In avanti Morais De Barros subentra a Pietribiasi, a fianco di Sottovia. Proprio l’attaccante brasiliano sfiora subito il tris con un tiro in diagonale che chiama Ingrassia ad un grande intervento, poi Sottovia si libera bene, ma la sua conclusione viene respinta in scivolata da un difensore.
La rete è nell’aria e arriva al 57′ quando Caporali, il migliore in campo, calcia rasoterra dal limite dell’area e pesca l’angolino alla sinistra del portiere veronese. Girandola di cambi e il Legnago accorcia le distanze appena due minuti più tardi con la conclusione da fuori area di Di Paolo che spedisce in pallione a fil di palo.
Mister Toccoli dà spazio a tutti gli effettivi (esordio stagionale per Degasperi) e, nell’ultima mezz’ora, il Trento resiste senza rischiare al tentativo di ritorno da parte del Legnago.
Prossima uscita venerdì 9 agosto al “Briamasco” contro i padovani dell’Arcella, formazione che milita nel campionato d’Eccellenza veneto.

Le parole di mister Toccoli.
“Sono abbastanza soddisfatto – commenta a fine gara l’allenatore gialloblù – anche se, ovviamente, ci sono ancora tante cose da sistemare e il lavoro non manca. Abbiamo disputato complessivamente una buona partita, anche se dobbiamo ricordarci che, quando si affrontano formazioni di un certo spessore, ogni errore si paga a caro prezzo. Ci siamo ancora “conoscendo”, dentro e fuori dal campo, ma il bilancio dopo due settimane di preparazione non può che essere positivo. Sono contentissimo del lavoro che stiamo svolgendo con lo staff e della disponibilità dei ragazzi. Le vittorie contro Luparense e Legnago Salus fanno ovviamente piacere, ma sono solamente delle tappe nel nostro percorso di crescita, che è solamente all’inizio”.

Il tabellino.

TRENTO – LEGNAGO 3-2
TRENTO (4-3-1-2): Cazzaro (1’st Conci); Paoli (38’st Sammah), Marcolini (38’st Pederzolli), Zentil (34’pt Panizza), Pellicanò; Trevisan (1’st Stefani – 38’st Degasperi), Pettarin (13’st Battisti), Santuari (1’st Ferraglia – 38’st Celfeza); Caporali; Sottovia (13’st Paiolo), Pietribiasi (1’st Morais De Barros).
Allenatore: Flavio Toccoli.
LEGNAGO (4-3-1-2): Enzo (1’st Ingrassia); Forestan (1’st Venturini), Moretti (1’st Zanetti – 35’st Ferraro), Biondoli, Botturi (17’st Borin); Yabre (31’st Marchesini), Ranelli (22’st Leoni), Torelli (13’st Di Paolo); Cicarevic (1’st Antonelli); Barone (1’st Farinazzo), Miatton (41’pt Darray).
A disposizione: Mantoan.
ARBITRO: Perenzoni di Rovereto (Muraviev e Cofanò di Trento).
RETI: 13’pt Barone (L), 23’pt Sottovia (T), 30’pt Marcolini (L), 12’st Caporali (T), 14’st Di Paolo (L).
NOTE: campo pesante. Pioggia battente durante tutta la gara. Spettatori 150 circa. Calci d’angolo 3 a 1 per il Legnago. Recupero 0′ + 0′.

Questo sito web utilizza cookie, anche di terze parti e di profilazione, per personalizzare la tua esperienza utente. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi