Il Trento si svela alla stampa nella splendida cornice della Locanda Margon

Il Trento alza il sipario sulla stagione 2016/17 e lo fa puntando in alto. La società aquilotta, infatti, nella prestigiosa cornice della Locanda Margon ha presentato la rosa della prima squadra che tra circa un mese affronterà il campionato di Eccellenza. Un campionato che i gialloblù punteranno a vincere per tornare in serie D, come si augurano i vertici della società di via Sanseverino. Il primo a prendere la parola nella giornata della presentazione ufficiale ai media è stato il direttore generale Fabrizio Brunialti, che ha esordito tracciando un bilancio del ritiro appena concluso in Val di Fiemme e degli obiettivi per la stagione.  «Affronteremo il campionato di Eccellenza con ambizioni importanti, perché riteniamo di aver allestito una squadra competitiva. Il nostro cammino non sarà facile e scontato, perché le difficoltà aumentano salendo di categoria, ma riteniamo di avere fatto qualcosa di buono. Stiamo lavorando su molti fronti – ha spiegato Brunialti – anche a livello di settore giovanile e, come avrete notato, abbiamo operato un lavoro di restyling del Briamasco e stiamo per completare anche la foresteria, grazie anche alla disponibilità del comune di Trento che ci ha permesso di svolgere i lavori».  Il dg ha poi presentato le due maglie di gioco che indosseranno i calciatori del Trento nella prossima stagione: a righe gialloblù la prima, mentre la seconda è bianca con l’aquila al centro. Entrambe le divise avranno come sponsor principale Marchiol.

Dopo la presentazione dello staff tecnico, rimasto invariato rispetto allo scorso anno e sempre con mister Stefano Manfioletti al timone, e dei giocatori della rosa, la parola è passata al capitano Claudio Ferrarese. «Adesso tocca a noi – ha esordito il fantasista gialloblù – la società e il nostro presidente non ci hanno fatto mancare nulla e adesso dobbiamo fare le cose come si deve perché alla fine chi va in campo siamo noi giocatori. Abbiamo il compito di portare il Trento non dico dove merita, perché forse la serie D non è ancora abbastanza, ma almeno dobbiamo cercare di compiere il primo passo verso quella direzione».

In chiusura, non certamente per importanza, sono arrivate le parole del presidente Mauro Giacca. «Ringrazio tutto il mio staff perché è anche grazie a loro se la società cooperativa del Trento non ha mai chiesto moneta al comune. Questo – spiega Giacca – perché prima di chiedere bisogna dimostrare e credo che anche l’organizzazione delle due amichevoli del Napoli sia stato un bel biglietto da visita per noi, poiché abbiamo ricevuto molti complimenti dagli esercenti della città. Come squadra il Trento ha la responsabilità di portare avanti un’immagine di rispetto, perché rappresentiamo la comunità e tutte le squadre della provincia. Adesso – conclude Giacca – dobbiamo puntare sempre più in alto per confrontarci nel prossimo anno anche in ambito nazionale».

Durante la presentazione sono intervenuti anche il sindaco di Trento Alessandro Andreatta, gli assessori comunali Andrea Robol e Roberto Stanchina e il presidente del comitato di Trento della Figc Ettore Pellizzari che ha fatto gli auguri alla squadra di mister Manfioletti per il prossimo appuntamento di Euregio Cup che si terrà il 6 e 7 agosto a Castelbello in Alto Adige e vedrà impegnati, oltre ai gialloblù, la Virtus Bolzano e le due tirolesi Swarovski Wattens  e Nussdorf – Debant.

 

Questo sito web utilizza cookie, anche di terze parti e di profilazione, per personalizzare la tua esperienza utente. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi